lunedì 26 dicembre 2016

Una scogliera sul vuoto

I tuoi capelli sono gradini d'oro
che salgo per raggiungere
l'olimpo
la tua bocca ne è l'ingresso
ma al termine della scalata
vedo solo un abisso
posso solo gettare sotto di me
rose spinate con cui ho ferito le mie mani
diamanti,ambra e ametiste
cadono nell'abisso
ho salito scale troppo alte
la tua bellezza è vertigine
mi ha dato alla testa
ora sono solo di fronte al vuoto
e all'avanzare della sera
non mi rimane che lanciarmi
e seguire il destino dei miei doni
lo faro a volo d'angelo
lasciandomi andare all'indietro
per vedere un ultima volta
il tuo volto
ma il cielo è oramai
spoglio nero freddo e vuoto
e le erinni ridono sotto di me
in attesa di impossessarsi del mio corpo

1 commento:

  1. Bravo Fluoro , hai un senso dell'estetica eccezionale .
    Il blu , il nero pece ,oro e argento , i colori che vedo leggendo .

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.