domenica 25 dicembre 2016

L'orrore su montepattume

Torino 25 dicembre 2016

E' stata una giornata fredda,imperlata di nubi leggere e diafane che rubavano al sole la scena per infrangere la luce in un pulviscolo grigio.
Ora scende la sera parcheggio la mia auto al margine della tangenziale,il tanfo si fa sentire,montepattume si erge contro la luce aranciata della città, conide informe dove la torino bene caga in testa alla torino male tonnellate di immondizia per riempire i polmoni dei grigi abitanti delle celle di cemento di falchera.
Vedo una ragazza zingara che incurante dei camion che sfrecciano a folle velocità cammina sul guardrail che separa le 2 corsie, mentre il suo vestito ondeggia voluminso e lento con un incedere di principessa asiatica.
Ora finito il guardrail si inginocchia di fronte a un traliccio che emette una luminosità bluastra: una testa con 2 occhi neri oblunghi,il cranio dolicocefalo.
Si inginocchia di fronte all'immagine e incomincia a vomitare un liquido marrone,vomita la sua stessa merda,e fra il vento dei tir,a un certo punto si perde nel suo stesso vestito e al suo posto non c'è più nulla se non stracci imbrattati di merda.
Mi dico:sono impazzito?
No apro il necronomicon VI (è un pò come il DSM ne esce una versione aggiornata di tanto in tanto),e leggo: è il segno.
Cammino impietrito tra i camion che mi suonano ma nulla mi tange.
Incomincio a scalare montepattume secondo il rituale,reggendo in mano del ''Sovinello'' con il quale mi aspergo e con in mano una paella pronta comprata all'ins da offrire al dio del disgusto,dei tossici,dei degenerati delle periferie.
Mi avvicino al dotto metanifero di sfogo sulla cima e compio il rituale,mi colo dalla testa ai piedi di ''amaretto torinese'' da 3,15 euro al litro,getto la paella pronta sulla fiamma azzurra dove esplode come una gomma da masticare lasciando un effluvio di big bubble masticato da un bronchitico cronico,infine dico il rituale:
''ygna ygna ah,yog sothoth,henry henry,tossic,tossic!
Infine prendo la fiamma azzurra e mi appicco fuoco facendo bruciare l'amaretto torinese creando un tanfo perfino superiore a quello di monte pattume,dicono che l'amaretto torinese lo facciano con l'amianto che recuperano dalle scuole e dagli ospedali in disfacimento.
E' l'era dell'entropia rilascio un urlo come in ''La Cosa'' di Carpenter e incomincio a trasformarmi:le mie gambe si uniscono a formare un unico ventre nero a forma di scorpione con cui pungere le mie vittime iniettando una dose letale di amaretto e di Sovinello,le mie braccia si separano formando delle pinze,per di più mi crescono capelli neri e il mio volto diventa quello della zingara.
La trasformazione è compiuta una nuova creatura si strascica nelle acque fangose del Po.

1 gennaio 2017

Notte brava a Torino

La sindaca appendino,piero fassino e sergio chiamparino nonchè livia turco vengono tutti trovati morti in coma etilico con valori spaventosi di Alcool nel sangue,stante le indagini avrebbero dovuto vuotarsi nel sangue 8 bottiglie di grappa del nonno.
In tutte le loro case il pavimento è sfondato e il wc è divelto e una striscia marrone  si trova tra il pavimento e il loro giaciglio.
Un liquido nero cola dalle pareti la scientifica non ha dubbi si tratta di ''amaretto torinese'' come viene comunicato in un asciutto e vergognoso trafiletto de ''La Stampa''.

Il protettore dei tossici

Lapo Elkan sul suo profilo facebook scrive enigmaticamente:''So chi è,stavo per morire per overdose di coca,ero immobile sul letto,quando una creatura nera a forma di scorpione ha sfondato le tubature allagando il pavimento.
Ho pensato fosse la morte,mentre torreggiava su di me ma a quel punto ha infilato delle dita sottilissime nelle mie narici aspirando tutta la coca residua.
Infine ha fatto un buco sul mio ventre con la coda e l'ha svuotato cagando immediatamente uno stronzo verde sul pavimento.
Infine ha tirato fuori un cazzo lungo e nero e io gli ho fatto una pompa,volevo parlargli dei miei progetti imprenditoriali ma lui mi ha azzittito così,non ricordo più nulla.

Nessun commento:

Posta un commento